come lavorare il fimo

Come lavorare il fimo

postato in: Fai da te | 0

Vuoi capire come lavorare il fimo ma non sai da dove partire?

Partiamo da una piccola premessa prima di addentrarci nell’aspetto pratico.

Il fimo è una pasta modellabile termoindurente molto utilizzata da hobbisti, artigiani, da appassionati del fai da te e da amanti dei piccoli lavoretti da fare a mano.

È ampiamente utilizzato per realizzare oggetti di piccole dimensioni come portachiavi, collane, ciondoli, orecchini, anelli, fermacapelli e per decorare utensili da cucina o di arredo.

Negli ultimi anni è esplosa una vera e propria moda della lavorazione del fimo fai da te, complici anche i tantissimi tutorial pubblicati su Youtube e la facilità con cui è possibile procurarsi questo materiale.

Puoi acquistarlo online oppure in negozi specializzati in prodotti legati alla cartolibreria oppure al fai da te.

È disponibile in panetti da circa 50 grammi e puoi trovarlo in tantissime colorazioni differenti, dalle classiche a quelle fluo, fino ad arrivare alle glitterate.

Il costo di ogni singolo panetto si aggira attorno ai 2,50€.

Ma come si fa a lavorare il fimo? È semplice da modellare e come è possibile cuocerlo? Essicca all’aria oppure in forno?

Come si modella il fimo?

Di fatto il fimo è molto semplice da lavorare.

Prima di iniziare a lavorarlo è importante modellare per bene la porzione di fimo che hai staccato dal panetto, in modo tale da renderlo più morbido e malleabile.

Di per sé il fimo, infatti, è abbastanza duro e necessita di un minimo di lavorazione con le mani prima di poterlo modellare.

Ricorda di pulire per bene la superficie di lavoro e ed indossa dei guanti.

Queste due accortezze servono per evitare che la polvere si attacchi al fimo mentre lo modelli, rischiando di rovinare irrimediabilmente il tuo lavoro.

Se vuoi incollare due pezzi di fimo di colori differenti tra loro il consiglio è di utilizzare un collante specifico.

Soprattutto se utilizzi la cottura a bagnomaria, le creazioni potrebbe risultare molto fragili e staccarsi con facilità.

Devi usare una colla per fimo anche se vuoi incollare le creazioni su materiali come il metallo (in caso di anelli ad esempio), legno ed altri materiali.

Strumenti utili per la lavorazione del fimo

Per lavorare il fimo esistono strumenti ed attrezzature appositi come coltellini e taglierini.

Puoi trovare set di attrezzi per lavorare il fimo negli stessi negozi in cui acquisti i panetti.

Tuttavia se sei agli inizia puoi tranquillamente utilizzare gli strumenti di cui disponi già in casa, come coltellini o stuzzicadenti.

Ti serviranno soprattutto per effettuare incavi o per tagliere pezzi di fimo in eccesso, quindi qualsiasi attrezzo può andar bene.

Modalità di cottura consigliate

A differenza di altre paste, come ad esempio quella di mais, il fimo essendo un impasto termoindurente deve necessariamente essere cotto, preferibilmente in forno.

In commercio esistono fornetti dedicati proprio alla cottura per il fimo. Ricorda di non superare mai la temperatura di 130 gradi perché, in caso contrario, il fimo potrebbe sprigionare sostanze tossiche.

Inoltre devi necessariamente utilizzare un fornetto che userai solo per cuocere il fimo e non anche alimenti.

Le sostanze tossiche che il fimo può sprigionare durante la cottura potrebbero contaminare i cibi.

In alternativa alla cottura in forno, puoi cuocere il fimo anche a bagnomaria. Tuttavia si tratta di un metodo da utilizzare con cautela perché le creazioni cotte in questo modo risultano essere più fragili.

Alternative al fimo

Il fimo non può essere realizzato in casa ma devi necessariamente acquistarlo. Il prezzo di un panetto da 50 grammi non è propriamente economico. Ecco perché i prezzi delle creazioni realizzate in fimo, anche dagli hobbisty, non sono bassissimi.

Un’alternativa più economica al fimo è rappresentata dalla pasta di mais che non necessita di cottura perché essicca all’aria.

Si tratta di un materiale facilmente modellabile, come il fimo, è molto resistente agli urti.

Per scoprire come realizzare la pasta di mais, su Youtube o Google, trovi tantissimi tutorial.