Errori fonologici

Gli errori fonologici, cosa sono e come evitarli

postato in: Altro | 0

Anche i più esperti di copywriting possono commettere errori di ortografia o di battitura, che possono essere causati da distrazione, necessità di concludere testi in tempi ristretti o patologie come la dislessia.

Diversi tipi di errori di scrittura

Possiamo distinguere tre diverse tipologie di errori di scrittura: fonologici, ortografici e fonetici.

Gli errori fonetici nascono quando si hanno difficoltà ad analizzare il suono di una parola e nella successiva trasposizione in lettere scritte, può sorgere come omissione o aggiunta di doppie o accenti.

Es. pala quando si vuole scrivere palla, lamore come l’amore.

Gli errori ortografici si manifestano quando non vengono rispettate le regole specifiche della lingua italiana, si possono classificare in 10 tipologie diverse

  1. Errori di omofoni non omografi;
  2. Fusioni illegali;
  3. Separazioni illegali;
  4. Spaziatura irregolare;
  5. Omissione o aggiunta dell’h;
  6. Grafemi inesatti o incompleti;
  7. Scambio di grafemi;
  8. Omissione o aggiunta dell’apostrofo;
  9. Errata segmentazione sillabica;
  10. Errata trascrizione delle regole ortografiche;

Es. o visto per ho visto, compagna per indicare compagnia.

Gli errori fonologici

Ci si riferisce ad errori fonologici quando vi è una mancata corrispondenza tra fonemi e grafemi, oppure quando vi è una comprensione confusa della fonologia della parola. Questi processi svolti in modo errato possono portare a errori concreti di scrittura come:

  • Lo scambio dei suoni: confusione tra lettere che vengono pronunciate in modo simile come la S e la F, la P e la B. Lettere che vengono rappresentate con simboli simili come la D e la B oppure lo scambio di vocali all’interno di una parola.
  • Scambio di lettere: si manifesta come lo scambio di lettere all’interno della parola come marde per madre. Questo a volte può essere conseguenza di un’errata battitura ma è comunque una tipologia di errore da identificare se è ricorrente.
  • Omissioni: omissioni di lettere o parti di parola, spesso causate da fretta nello scrivere.
  • Inserzioni: contrario delle omissioni, si inseriscono lettere in più che nella parola non sono presenti.

Come fare a distinguere se questi errori sono dovuti alla fretta e distrazione nello scrivere o ad una predisposizione personale all’incappare in errori fonologici?

Analisi dei propri errori fonologici

Quando notiamo di commettere spesso una certa tipologia di errore fonologico, come lo scambio di lettere, prestiamo attenzione alle parole e alle lettere che innescano lo sbaglio. Quelle lettere o parole saranno le nostre aree di attenzione ogni volta che scriviamo, e come tali meriteranno una certa cura nella scrittura e nel controllo finale del testo.

Ci sono molte strategie che possiamo mettere in atto per limitare i nostri errori fonologici una volta che li iniziamo a identificare.

Scrivere con calma e con attenzione

Il primo passo è approcciare al processo di scrittura con sicurezza e con la dovuta attenzione, evitiamo ogni diversivo che ci possa distrarre come televisione, musica, un ambiente rumoroso e, nel momento in cui andiamo a scrivere qualcuna delle parole, o delle sillabe che sappiamo ci possono scrivere problemi, rallentiamo il ritmo di scrittura e concentriamoci su ogni lettera della tastiera che andiamo a cliccare.

Attivare il controllo ortografico

Quasi tutti i software di scrittura online e offline offrono un servizio di controllo ortografico, sarà lui a segnalarci eventuali errori fonologici sulle parole che scriviamo. Attenzione a non affidarsi esclusivamente all’occhio digitale del software, il correttore automatico non conosce tutti i termini della lingua italiana e tanto meno la grammatica italiana.

Es. passar come passare: passar esiste ma in alcuni contesti non è corretto utilizzarlo come corrispondente di passare.

Rilettura del testo

Una volta concluso un paragrafo del testo possiamo passare a rileggerlo e a controllare la scrittura di tutti gli errori fonologici che siamo più soliti commettere. Per rendere ancora più efficace questo processo possiamo leggere ogni singola parola ad alta voce oppure inviare il testo ad un amico o collega che possa leggerlo con occhi neutrali.

Ricerca degli errori fonologici

Se abbiamo effettuato con cura la fase di analisi dei nostri errori fonologici potremo effettuare una ricerca mirata all’interno del testo. Se sappiamo che uno dei nostri errori più ricorrenti è scrivere la sillaba zio come izo, per esempio nella parola organizzaizone, possiamo cercare propria la versione sbagliata per vedere se ci sono occorrenze nel testo.

Controllare l’hardware del pc con cui scriviamo

A volte errori come l’assenza di una lettera, o l’inserimento di doppie quando non sono previste puà essere conseguenza di una tastiera non perfettamente funzionante. Esistono molte tipologie di meccanismi di pressione dei tasti e non tutti hanno lo stesso grado di accuratezza e velocità, al momento la tecnologia più veloce ed affidabile è la tastiera meccanica.